storia alternativa

I Vichinghi in America

Bisognerebbe chiarire che quando si parla di "vichinghi" non si tratta di un popolo: i vichinghi fanno parte dei popoli norreni, quindi di Scandinavia e Danimarca, ed erano quella parte della popolazione che viveva in zone costiere ed era dedita alla pirateria. I vichinghi di Ucrònia si riferiscono a sè stessi come "popolo" perché ormai la loro patria è il mare, e ciò fa di loro dei "vichinghi" prima che dei "norreni".
Alla luce di ciò è probabile che anche i navigatori che sbarcarono in America pensassero a sè stessi come "vichinghi".
E' bene chiarire anche che lo sbarco dei vichinghi in America prima di Colombo non è più un mito, ma ormai un fatto accertato dai numerosi ritrovamenti archeologici


Erik il Rosso
Erik il rosso

Dando retta alle Saghe islandesi, i vichinghi arrivarono in Groenlandia all'incirca nel 980, con la spedizione guidata da Eric Il Rosso. Sempre secondo le saghe costui non era proprio uno stinco di santo: scacciato dalla Norvegia dopo aver commesso un omicidio, si rifugiò in Islanda e poi ammazzò qualcuno anche lì, venendo quindi esiliato ulteriormente per un periodo di 3 anni. Viaggiò con il padre e alcuni coloni fino a scoprire la Groenlandia, e al termine dei tre anni tornò in Islanda per cercare altri coloni disposti a partire con lui verso questa nuova terra. Fu lui a dargli nome di Groenlandia, che significa "terra verde", probabilmente per puri motivi di marketing: pensava che così avrebbe attirato più coloni.
Questa strategia sembra aver funzionato: gli archeologi hanno trovato i resti di circa quattrocento fattorie in due diversi insediamenti, stimando una popolazione da 3 a 5000 persone.
Si trattava per lo più di installazioni non fisse, della durata di due o tre anni, durante i quali venivano accumulati legna e pelli da esportare in Islanda.


Le rotte seguite da Erik il Rosso
Le rotte seguite da Erik il Rosso

Pare che il viaggio sia stato reso possibile da particolari condizioni climatiche. Il cosiddetto "periodo caldo medievale" fu un momento di clima insolitamente caldo nel nord dell'Atlantico, durato dal IX al XIV secolo. Questo permise ai Vichinghi non solo di viaggiare più agevolmente ma anche di trovare un terreno più adatto alle coltivazioni.
Al periodo caldo medievale seguì la "piccola era glaciale", al contrario un periodo insolitamente freddo localizzato nella stessa zona, durato dal XIV secolo a metà del XIX. Durante questo periodo i ghiacci che si erano ritirati tornarono a farsi avanti, costringendo i vichinghi a lasciare la Groenlandia che tanto "verde" più non era.


Mappa dell'insediamento orientale vichingo in Groenlandia
Mappa dell'insediamento orientale vichingo in Groenlandia"

La Groenladia era all'epoca disabitata, ma i vichinghi si spinsero anche più a sud, fino a quella che chiamarono Vinland, "terra del vino", cioè l'attuale isola di Terranova. E' a sud di Terranova che nella nostra ucronia si trova la misteriosa Cupola... Ma ne parleremo la prossima volta.

Per acquistare Moto Perpetuo cliccate qui